Delbene, cattura con record

Il 12 ottobre, alle ore 13,30, nelle acque del Golfo di Cagliari, Gabriele Delbene ha stabilito il nuovo record di cattura abissale in apnea.


Il comunicato stampa:

“Al largo di Torre delle Stelle giace, dal 1943, uno dei più affascinanti relitti del Mediterraneo, il Loredan, adagiato su un fondale che va dai 55 ai 65 metri ed è qui che Gabriele ha stabilito il nuovo record mondiale di cattura profonda in apnea migliorando se stesso di 5m a 13 anni di distanza. A 62,4 metri infatti Delbene ha catturato un esemplare di cernia bruna (epinephelus marginatus) del peso di kg.7,7. La cornice era stupenda, sole estivo,un pò di mare lungo da scirocco e corrente ma acqua in superficie a 23 gradi anche se sul fondo era circa 17 e piuttosto torbida. Dopo alcuni tuffi di riscaldamento Gabriele assistito dal suo staff, è scomparso nel blu, da dove è riemerso trionfante dopo 2 minuti e 42 secondi, pugni al cielo ed un urlo liberatorio sono stati i gesti che hanno fatto comprendere subito ai presenti che il record era stato battuto.

Nelle prossime settimane sarà disponibile il video completato da immagini girate a 65m da “Sbrino” Mario Perniciano, testimone ufficiale ed operatore video altofondalista munito del rebrether, necessario per non allarmare troppo i pesci. Nei giorni di adattamento alla quota (solo 2) lo statuario campione ligure ha avvistato anche alcuni dentici molto diffidenti e ha catturato un’altra bella cernia poco più grande ed uno scorfano rosso alla quota di 64m. Viste le dimensioni non enormi dell’animale Gabriele ha preferito far documentare e registrare una cattura ad una quota inferiore. Le immersioni giornaliere erano limitate ad un massimo di 6 con tempi di recupero superiori ai 10 minuti per non incorrere in rischi inutili e tutelare la sicurezza dell’atleta. I tempi delle apnee hanno variato da un minimo di 2 e 15 fino a 2 minuti e 52 secondi. Nell’immersione più lunga, il tiro allo scorfano, a Gabriele si è quasi completamente allagata la maschera rendendo la risalita un pò più impegnativa.

Le immagini inoltre (girate e montate da Giacomo Perasti, l’operatore ufficiale per SKY) saranno parte di una puntata di Doctor Fish, un format televisivo ideato e condotto dallo stesso Delbene a cominciare da fine Novembre sul canale 811 ITALIANFISHINGTV di SKY.
Si ringraziano tutti i sostenitori e gli sponsor del tentativo che lo hanno reso possibile, piacevole e sicuro: NIMAR (custodie sub), BIAVATI (mute su misura), MIDLAND (action camera), MASTER (gommoni). Le persone: Mario “Sbrino”, Giacomo Perasti e Sandra, Willy e Andrea, Martino Musso (agente pubblicitario),”Buccia”, Francesco, Gaspare e Daniele.”

15 pensieri su “Delbene, cattura con record

  1. Gabriele era gia detentore di un record, di cattura in gara, sempre in questi fondali, ma in un campionato italiano, si e sempre saputo che e il piu forte proffondista in circolazione, buon pescatore ma non fuoriclasse, io mi domando ma la pesca in apnea cosa sta diventando una gara a chi prende il pesce piu fondo?? e intanto le disgrazie aumentano..a fine estate si contano i decessi da sincope…, lo stesso dicasi per i video su youtube di pesci presi oltre i 35 mt..come se fosse un gioco visto dal web.. e i ragazzi che chiedono , MA COME DEVO FARE A PESCARE FONDO, IO NON RIESCO OLTRE I 15 MT,,.. io penso che dovremo dar un taglio a tutto ciò io personalmente ho perso parecchi amici in mare, tutti giovani, e cosa mi chiedevano quando alle gare rientravamo a consegnar il cavetto..?? A QUANTO LI HAI PRESI I PESCI ???

    • Quindi se molti ragazzi fanno i pazzi con le moto in mezzo alla strada, è colpa del Rossi o Marquez di turno???
      Non è così…bisogna avere sempre il cervello dentro la zucca e discernere che un record o presunto tale, è solo una dimostrazione (per vari motivi…e interessi personali), fine a se stessa e non da emulare…
      Altrimenti non dovremmo più guardare una gara del Motomondiale, la F.1, un video di Ciconat…ecc.ecc.

      • e difficile da capire, ma e così, non e questione di sale in zucca, o non guardar un gara del motomondiale, sono un ex agonista, e se guardi bene, nel web vedi pochissimi video, o nulla su i Campioni di un certo livello di pesca in Apnea , nulla su Toschi, quasi nulla su Molteni, pochissimo su Mazzarri e Bellani, e ti assicuro(per esperienza personale) che loro pescavano gia a 40 e passa mt 20 anni fa! se noti bene, nei vari video su youtube di vari personaggi molto bravi e dotati , e pieno di commenti di neofiti, che chiedono ( ma come devo allenarmi ma come fai … ti parlo da agonista del passato dopo 15 anni di gavetta..! poi e giusto che ogni uno di noi la veda come vuole, ma pesca e proffondismo sono due sport diversi !

        • Sul fatto che profondismo e pesca in apnea sono due cose ben diverse, sono d’accordo con te al 100%…pesco da almeno 30 (trenta) anni…e non sono mai stato uno che scende profondo…quindiil tuo messaggio di invito alla prudenza è soltanto da applaudire e apprezzare…per questo non vorrei tu mi fraintendessi…
          Io dico solo che certi gesti atletici, sono inevitabili in qualsiasi disciplina o sport…poi sta solo all’intelligenza di una persona capire in quanti anni e con quanti sacrifici si raggiungono certi risultati…oltre al fatto di essere comunque predisposti…e che non ci si può improvvisare campioni o profondisti solo perchè si vuole emulare il campione di turno.
          Ci sono tanti bravissimi pescatori in apnea…ma non tutti, anche in campo agonistico (come tu mi insegni), sono a livello dei vari Molteni, Mazzarri, Toschi (parlo del recente passato agonistico…)…

          P.S. i grandi campioni di pesca non mettono video su YouTube, perchè non hanno bisogno di essere apprezzati ulteriormente e…perchè comunque non ne hanno un ritorno economico…
          Infatti alcuni (per esempio Bellani che hai citato…), hanno realizzato DVD di pesca…e non è che lì non si vede che pesca profondo…

  2. Buongiorno, con tutto il rispetto parlando, per la profondità NON risulta presente un giudice che ha potuto constatare il tutto e certificare, oltretutto non è certificabile e riconoscibile come record mondiale in quanto NON è riconosciuto come record da nessuna federazione.
    Rimane comunque un tuffo incredibile complimenti.

    Gianni

  3. Punti di vista senza ombra di dubbio.
    L`impresa e` davvero memorabile ma il messaggio lo e` altrettanto?
    O meglio il messaggio non va interpretato come un incitamento a sfidare il blu, l`estremo, il record personale o registrato che sia.
    Occhio ragazzi che Del Bene ha passato tutta la sua vita a studiare queste imprese all`insegna della sicurezza e della preparazione atletica.
    Quindi e` vero tutti possono comprare una moto da corsa e allo stesso modo attrezzatura da pesca sub all`avanguardia, le differenze le fanno i piloti e gli atleti, tra questi poi si distinguono i fuoriclasse, quest`ultimi sono quelli che piu impressionano per le loro imprese uniche e memorabili.
    Conclusione : fuoriclasse non si diventa ne facendo shopping online ne frequentando qualche ora di corso in piscina.
    mediocre e` bello!

  4. Gesto atletico invidiabile, ma preferisco dario Eolie che prende una cernia di 10kg in 5 metri d’acqua, li si che c’è da imparare, questo per dire che è inutile cercare la profondità,i pescatori bravi fanno il pesce sotto costa!

  5. Un record privo di qualsiasi entusiasmo se non per chi lo ha eseguito.
    Trovo assurdo dover cercare l’estremo in uno sport che già estremo lo è di suo.
    spero che non possi il messaggio che tali prede si possono prendere solo a quote abissali.
    Se andate a vedere il palmares di Del Bene in campo agonistico vi renderete conto che il profondismo non paga.

    • infatti come dicevo, Gabriele e stato sempre forte in alcuni campi gara fondi, (vedi capionato italiano di seconda vinto da lui a Pula) dove tra laltro partecipavo anche io, tolto quello a solo fatto sempre e solo piazzamenti senza acuto, lo stesso fece al Poetto con la cernia presa sempre nel relitto , e li fece gia il primo record di cattura su un relitto, e fece quarto , non che non sappia pescar in medio fondale sia inteso , e sempre un ottimo pescatore forte anche in schiuma, ma non una vera macchina ammazza pesci come puo essere un Bruno D o un Calcagno, ho uno stratega come Riolo , detto questo e dimostrato piu volte che e il piu forte proffondista , penso che se le gare internazionali si dovessero disputare di nuovo in Mediterraneo , con la cernia permessa, lui sarebbe un ottimo atleta di punta, visto che parliam di gente che lavora pesci oltre i 40 mt!

  6. Comunque nel panorama delle prestazioni in qualche modo estreme legate all’apnea abbiamo visto anche cose studiate a tavolino (come ad esempio i percorsi in orizzontale sotto il ghiaccio) e che in molti casi non corrispondono (per essere onesti) nemmeno ad una prestazione sportiva non dico eccezionale ma nemmeno di particolare rilievo. Mi ricordo di percorsi di 25 o di 50 metri in orizzontale cui è stata attribuita perlomeno giornalisticamente la patente di record e grande tam tam mediatico. In questo caso di Gabriele invece parliamo di una prestazione straordinaria, non artificiale ma effettivamente legata allo sport che tutti noi pratichiamo ed realmente di livello eccezionale. Gabriele piace ad alcuni e piace meno ad altri, ma per onestà bisogna dire che in questo specifico settore è uno dei migliori se non il migliore in assoluto. Poi certo… io pesco in dieci metri d’acqua e non è che domattina dopo aver visto il filmato prendo e parto per andare su un relitto profondo… ma penso che sia normale buon senso…. tutti abbiamo visto quel recordman buttarsi con il paracadute dalla stratosfera ma non credo che dopo averlo visto sia venuto in mente a qualcuno di noleggiare un pallone sonda per andare a rifarlo in modo improvvisato. Non credo che ci si possa sentire responsabili per gli altri oltre un certo limite…. come nel caso delle tragedie del mare dei migranti (povera gente per carità) nel canale di Sicilia…. ma se domattina io prendo un patino e cerco di fare la traversata verso la Sardegna da Civitavecchia e ci resto secco sarà colpa vostra che non mi avete educato a non farlo?

  7. Ognuno è libero di pescare come vuole , è uno sport e un gioco e un piacere e una situazione , ognuno puo cogliere e viverla nelle sue capacità e possibilità. Gabriele può fare questo si sente di farlo li piace , evidentemente come me tantissimi non possono , che dire bravo , lui riescie ; magari non ha vinto un campionato del mondo , ma non è detto che un campione del mondo riescie a fare quello da che fà lui .
    Campione del mondo in pesca profonda.
    che dire ,,,,,Grandioso
    Tutto il resto è noia

I commenti sono chiusi.