Manolis Giankos, nuovo Campione Europeo

Qualche domanda al nuovo Campione Europeo fresco di vittoria a Helsinki, il greco Manolis Giankos:

Ciao Manolis, che strategia hai attuato per questa splendida vittoria?
Non c’erano molte opportunità  per la strategia, bisognava prendere i pesci in inglese chiamati Breams, questo era il problema… avendo questa sola possibilità apparente, la quale non mi piaceva affatto, sono stato “obbligato” a cercare altre soluzioni.

In acqua bassa il pesce era molto sensibile alle condizioni e si sarebbe rischiata una gara o con tanti pesci o con niente. La soluzione mi è arrivata dalla profondità con i merluzzi gli scorfani e i Burbot.

Quanto ha influito la preparazione del campo gara?
La preparazione è importantissima in ogni competizione, ancora di più in posti come Helsinki in cui la quantità di prede è limitata a veramente pochi esemplari.

Come hai impostato le due giornate di gara?
Avendo calcolato in preparazione quanto tempo mi serviva per fare il giro di tutti i segnali fondi, per prima cosa sono andato in acqua bassa a cercare Breams  per un determinato lasso di tempo e poi  ho passato tutti gli altri segnali in profondità.

Avevo pensato di finire tra i primi 5 posti in classifica… ma è andata un po’ meglio…

Che attrezzatura hai utilizzato?
Tutta la mia attrezzatura è “made in Greece” per i fucili ho usato un Pathos 50 e un Saragos 60, la visibilità era pessima e le opportunità di prendere pesci molto basse, così ho avuto bisogno di armi potenti precise e allo stesso tempo flessibili per più tipi di pesca.

Sei abituato a condizioni opposte dalle tue parti, ti sei ambientato subito?
Generalmente parlando sono una persona che si adatta facilmente, anche giudicando dal risultato devo dire che neanche i Finlandesi si sono adattati a quelle condizioni… quindi credo di essermi adattato bene.

Devi anche sapere che nelle mie normali pescate cerco sempre uno spot tra gli altri con condizioni peggiori anche solo per cambiare la routine…

La scarsità di pesce ha schiacciato parecchio la classifica, come hai visto le altre squadre?
E’ vero, la scarsità di pesce ha reso piccola la distanza tra una buona e una cattiva performance, l’unica cosa che posso dire per le altre squadre è che non sono stati in grado di prendere pesce.

Nessun altro può giudicare gli alteti prima di chiedere sinceramente a se stesso se avrebbe preso qualcosa in quelle condizioni.

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi?
Per gli anni a venire ho deciso  di partecipare il più possibile a competizioni internazionali; e con il supporto della mia famiglia lavorare al massimo per scoprire cosa il futuro ha in serbo per me in tema agonistico.

Questa è una decisione che ho preso dopo il mondiale di Vigo, se devo parlare di un obiettivo specifico ora direi il Perù senza tralasciare cosa verrà dopo.

Tu sei anche un campione di apnea profonda, credi che in una gara di pescasub un pescatore che possa scendere piu profondo degli altri abbia più possibilità di fare risultato?
Un’alta  profondità operativa in alcune circostanze può aiutare a vincere una competizione, ma allo stesso tempo se usata male può aiutare anche a perdere una competizione… ci sono esempi di grandi atleti che hanno vinto e continuano a vincere competizioni in acqua bassa, chi sono io per dire che hanno torto…?

Due video della preparazione:

Grazie Manolis, complimenti ancora e in bocca al lupo!

A cura di L. La Manna

Un pensiero su “Manolis Giankos, nuovo Campione Europeo

  1. Complimenti al vincitore, che in queste acque così ostiche le ha “date” pure ai padroni di casa…

I commenti sono chiusi.